Lo scopo di una buona capacità di video speaking è assumere autorevolezza agli occhi di chi ci guarda e ascolta, chiunque sia il nostro interlocutore.
L’autorevolezza si acquisisce con la struttura: solo utilizzando strumenti provenienti dalla retorica e dall’arte della persuasione si può rendere veramente efficace il contenuto di valore che sta alla base di un qualsiasi progetto video.

La comunicazione è una freccia che ha un obiettivo ben preciso e unitario”, dice Genny Fogo durante il corso di video speaking organizzato in collaborazione con OSM Partner Venezia e Rovigo. “Parola d’ordine: essere autorevoli”.

Elementi di comunicazione video: retorica e persuasione

La persuasione è un’arte che viene praticata dall’essere umano per diversi scopi nell’arco della vita, siano essi personali o lavorativi. Di retorica e persuasione parlava anche Aristotele, migliaia di anni fa. Il filosofo greco aveva già allora individuato tre importanti elementi del “parlare bene”, della buona comunicazione.

Corso video speaking

Le abilità di video speaking si acquisiscono infatti andando in palestra, quella del “saper parlare in pubblico”, come ha spiegato Diego Busatto durante il corso. Vediamo quali sono gli ingredienti per il Discorso perfetto secondo Aristotele:

  • Ethos, la fiducia: la padronanza di un contenuto, la sicurezza interiore nei confronti dello stesso, permette di essere credibile agli occhi degli altri;
  • Pathos, l’empatia: un buon comunicatore conosce il suo pubblico perché lo ascolta, perché dopo averlo ascoltato ne capisce gli atteggiamenti, conosce le sue abitudini;
  • Logos, la semplicità: semplificare non significa banalizzare, significa rendere masticabile e assimilabile il contenuto, magari anche fornendo il linguaggio utile alla comprensione.

Sono tre elementi che già appartengono al nostro parlare quotidiano, ma che possono rendere il nostro discorso molto più efficace se studiati a tavolino prima della sua esecuzione.

Questione di feedback

A differenza di un discorso che viene fatto in presenza di un pubblico, lo schermo complica che le cose, ponendosi come barriera e ostacolando la comunicazione che perde la sua istantaneità: quando si parla davanti a una telecamera non si ha feedback. Il feedback viene dopo, quando il video è già stato ultimato e viene distribuito – in circuiti interni, sul sito della propria azienda, sui canali social. E la distribuzione genera sempre commenti, positivi e negativi. Ecco l’importanza della scrittura, della strategia. Solo tenendo in mente qual è l’obiettivo, perché è importante per noi raggiungerlo (scopi di vendita o visibilità, per fare degli esempi) e a chi ci rivolgiamo fin dal primissimo momento, si riuscirà a strutturare un testo completo ed efficace. 

Il corso di video speaking

I partecipanti del corso si sono divertiti ad imparare questi fondamentali concetti, scrivendo di proprio pugno gli speech strategici poi recitati davanti alla macchina da presa, mettendo davvero le mani in pasta e vivendo un’esperienza non solo altamente formativa ma soprattutto interattiva e divertente. 

Corso video speaking

Se vuoi saperne di più contattaci a genny@producer.video o al 347 8594438, organizzeremo a breve nuovi e divertenti corsi!

Loading...

TI É PIACIUTO?

Condividi l'articolo con tuoi amici!